PRIMO PIANO

State cercando delle informazioni sulla Fiera del Levante che si svolge a Bari, in Puglia? Volete essere sempre aggiornati sul calendario degli eventi o sugli espositori della Fiera o semplicemente volete partecipare alla Fiera del Levante per scoprire le novità del mercato e dell'export del Mezzogi continua

FIERE

Allestimento stand

Convention

Enti fiera

Fiere abbigliamento

Fiere agricoltura

Fiere alimentari

Fiere antiquariato

Fiere arredamento

Fiere artigianato

Fiere edilizia

Fiere industria

Fiere informatica

Fiere salute e benessere

Fiere turismo

Fiere varie

Motori specializzati

Sale congresso

Servizi fiere-congressi


NEWSLETTER
Per fare affari sul web
clicca qui é gratis!!

HOME >> FIERE

La Focara e la festa di Sant' Antonio La Focara di Sant'Antonio
La Focara e la festa di Sant' Antonio
A Novoli, località in provincia di Lecce viene organizzata anualmente la festa della Focara, in nome di Sant' Antonio. Una spettacolare festa in cui viene allestito un grandissimo falò detto Focara che arde a suono di musica e festeggiamenti per tutta la notte.

Imponente festa dedicata a sant’Antonio organizzata nel comune di Novoli in provincia di lecce la festa che ha una lunga tradizione è divisa in più parti, la parte più spettacolare oltre ad essere la parte conclusiva è la costruzione di un grande falò, “la Fòcara,” essendo un falò di dimensioni notevoli la focara rappresenta una vera e propria opera di ingegneria agraria.
La Fòcara, è sicuramente il più enorme falò realizzato in Europa, alto circa 20 metri ha un diametro che varia dai 18 ai 20 metri. Per la costruzione della Fòcara si usano un numero impressionante di (sarmenti) fascine di tralci di vite circa 60.000, questi Sarmenti vengono portati e raccolti gratuitamente nei campi dai contadini. Moltissimi concittadini prestano con perizia e grande devozione la propria opera adempiendo spesso ad un voto per grazia ricevuta.
Ai piedi dell'enorme catasta di fascine che arde tutta la notte, una gran quantità di persone mangia, beve, canta e balla osservando con meraviglia le classiche fasciddre che svolazzano nel cielo.
Tutta la popolazione attende lo smorzamento del grande vulcano realizzato con i tralci di vite dal momento che si deve condurre a termine l’antico rituale: ogni famiglia deve, per usanza, accaparrarsi una manciata di cenere che si ritiene abbia il prodigioso potere di proteggere le case ed allontanare malattie e che, sparsa sui campi, farorisce i raccolti.
La festa prevede la Santa Messa, la processione per le vie del paese dietro il simulacro del santo anacoreta, e sono immancabili sotto le bellissime parature di luminarie, realizzata da decine di pali arricchiti da migliaia di lampadine di diverse misure e diversi colori, giocando sull’illusione ottica di luci sospese nell’aria, è di notevole effetto scenografico, tutt’oggi questi paramenti hanno mantenuto il popolaresco appellativo di “villa”.

Copyright © 2008 Vietato riprodurre i contenuti senza autorizzazione. | Chi siamo | Assistenza | Disclaimer | Informazioni sulla privacy | Dati societari art. 42 Legge 88/2009